CRISIS Postproduction (One Body) di Andrea Kantos

CRISIS Postproduction (One Body) Andrea Kantos, Video 3’, UNICORN – Farm Cultural Park, 2015
Il frame dell’esecuzione di James Wright Foley per mano del mujaheddin “John”, viene postprodotto attraverso tre fasi: JPG / color correction, creazione di un file Mpg4 (Mov o Avi) che simuli l’animazione di un Gif. Il senso dell’immagine viene sovvertita già partendo dalla sostanza (il file), poi ribaltando il monito originale del mujaheddin con un Hadit: “Orbene, nel corpo c’è un pezzo di carne che se è sano rende tutto il corpo sano, ma se è deteriorato tutto il corpo è deteriorato; e questo è il cuore ». Il box in cui appare la scritta viene ripreso formalmente come un vuoto fra due cuori e allo stesso tempo una misura da colmare. Il termine One Body a fronte di due corpi (l’uccisore e l’ucciso) è un segno ambiguo e metafisico, che richiama una ragione fuori dai conflitti.


CRISIS Postproduction (One Body) Andrea Kantos, Video 3’, UNICORN – Farm Cultural Park, 2015
The frame of the execution of James Wright Foley at the hands of the mujahideen “John”, is post-producted through three stages: JPG / color correction, creating a file Avi to simulate the motion of a Gif. The meaning of the image is yet subverted starting from the substance (the file), then reversing the original warning text of a Mujaheddin with a Hadit: “However, if in the body there is a piece of meat that is healthy it makes the whole body healthy, but if it is deteriorated the whole body is deteriorated; and this is the heart. The box in which appears the text is taken up formally as a gap between two hearts and at the same time a measure to fill. The term One Body in front of two bodies (the killer and the killed) is an ambiguous and metaphysical sign that invokes a reason out of the conflict.