Questo spazio è una sfida ma è anche una metafora. Così al suo interno stiamo elaborando un processo di ricognizione sulle coltivazioni urbane in spazi ristretti. Da qui è venuto il primo progetto: un sistema idroponico che rifletta su  tempi e risorse e l’impronta idrica, un tema che in una terra del Sud ha più che una valenza. L’acqua come elemento di fluidità, rigenerazione, crescita, incanalata attraverso una sapienza tecnologica per rendere il massimo della produttività.
Il progetto centrale del Green Lab è l’installazione idroponica di Patrycja Stefanek sul disegno di Vincenzo Todaro.


This space is a challenge and a metaphor. Inside we are processing a survey on urban farming in confined spaces. Here begins the first project; a hydroponic system that reflects on time and resources and the water footprint, this subject in a southern land is of utmost importance. Water as an element of fluidity, regeneration, growth, channeled through a sophisticated technology to make maximum productivity.
The Green Lab main project is the hydroponic installation of  Patrycja Stefanek based on Vincenzo Todaro’s sketch.