Troposphere di Analogique e Barbara Cammarata

Analogique + Barbara Cammarata – Troposphere, 2016, installazione vivente, gonfiabile, libro d’artista, video, dimensioni ambientali, 2016

Nella seconda edizione dell’ Introduction à la lecture de Hegel a cura di Raymond Queneau, il filosofo francese Alexandre Kojève, autore del  leggendario seminario sulla Fenomenologia dello Spirito di Hegel tenuto all’ École Pratique des Hautes Études di Parigi dal 1933 al 1939, ferma in un’immagine di rara suggestione il ritorno dell’uomo all’animalità, collegandola all’arte e all’architettura: […] Occorrerebbe ammettere, dunque, che, dopo la fine della Storia, gli uomini costruiranno i loro edifici e le loro opere d’arte come gli uccelli costruiscono i loro nidi e i ragni tessono le loro tele […]

Troposphere, progetto che vede per la prima volta la collaborazione di Analogique e Barbara Cammarata, si caratterizza per la multidisciplinarietà dello sguardo e la rigorosa sintesi formale. Un felice connubio tra le due anime autoriali, quella dei tre componenti del collettivo di architetti Studio Analogique, qui in veste di artisti visivi insieme a Barbara Cammarata, artista e performer. L’architettura pneumatica, intesa come dispositivo temporaneo per l’osservazione e la modificazione dell’ambiente umano, viene qui messa al servizio di un’appropriazione animale, indotta, quella della colonia di formiche della specie Camponutus Nylanderi e Messor. L’ appropriazione animale dell’ambiente pneumatico nella duplice forma di un’installazione vivente a parete, e oggettuale-scultorea nella parte centrale dello spazio di Dimora Oz, determina una reciproca, vitale influenza tra il meccanismo modificativo animale, funzionale e biologico e l’esito estetico-formale, aperto eppure previsto.